Tra tv ed interviste

Ieri avevo parlato di avventura… ed in effetti lo è stata, anche se non nel modo in cui intendevo io… ma veniamo a noi:

Questa mattina, dopo una ricca colazione (da potersi definire anche pranzo data la grande varietà di cibi a buffet, a partire dai classici croassant latte e cereali europei, per passare alle uova con bacon e salsicce all’americana per finire al riso alla cantonese, noodle e verdure tipiche cinesi) si parte in direzione di Flower City Square, la piazza più importante della città, nella cui palazzo della biblioteca c’è la conferenza stampa per la presentazione ufficiale del Guangdong Through the Lenses of European Photographers.

La sala è gremita di gente, i vari dirigenti sia della provincia, che dell’ufficio del turismo che del China International Pubblishing Group si avvicendano al microfono con le relative interpreti per darci in benvenuto e manifestarci il loro onore ad averci come ospiti, alla fine della conferenza, classiche foto di gruppo ed all’uscita dalla sala veniamo assaltati da giornalisti di radio e tv che fanno a gara per intervistarci, e le interpreti dei signori di prima sono così gentili da tradurci domande e tradurre a loro le risposte…peccato che tutto ciò non possa essere trasmesso in Italia…

Dopo il boom di interviste facciamo un giro di quelli che sono i luoghi più significativi della città e poi andiamo a pranzo.

L’accoglienza cinese riservataci ci commuove, siamo sommersi di premure e veniamo ospitati nei ristornati più belli. A tavola è tutt’un vai e vieni di portate diverse che vengono posizionate sulla classica ruota a centro tavola, immancabili bacchette e tazzina di thè. La cucina di oggi ha cambiato sapore rispetto a quella di ieri che era stata studiata, ci è poi stato detto, per non avere troppo distacco con i nostri gusti occidentali, mentre oggi i sapori cominciano a farsi più forti ed incisivi.

Il pomeriggio è stato l’avventura di cui parlavo…

Ci hanno portati in un grande parco divertimenti, il Chimelong Paradise, ma chi si è divertito davvero è stato il tempo, dopo neanche una mezz’oretta che eravamo entrati, ha cominciato a piovigginare, in pochi minuti la pioggia è diventata acquazzone e poi temporale con tanto di tuoni e fulmini; abbiamo trovato riparo sotto la copertura del teatro aperto lateralmente, ed in pochi minuti i tombini non hanno retto è l’acqua ha iniziato a salire fino ad arrivarci quasi alle ginocchia, appena è diminuita la pioggia gli addetti del parco ci hanno fatto segno di uscire per tornare al nostro bus…inutile dire che è stato come andare in pis-cina…ahahahhahah, scusate la battuta…non ho sapute resistere…ahahahhahahahah

Dopo l’acquazzone è tornato il sereno ed abbiamo concluso la serata a cena in un ristorante tipico nella zona vecchia di Canton, l’esterno tutto illuminato dalle lanterne rosse era davvero suggestivo.

Dopo cena abbiamo fatto una passeggiata lungo il fiume della zona vecchia, anche qui tutto era illuminato a lanterne di carta rosse. Domani inizia, come anticipatovi prima di partire, la divisione dei gruppi, noi siamo stati assegnati all’itinerario naturalistico…il nostro viaggio cambierà scenario, e noi siamo ansiosi di scoprirlo… Notte notte….

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>