Blue Lagoon…Goodbye Islanda

_MIK8697

La nostra avventura, come tutte le cose belle, è giunta al termine. E visto che doveva terminare abbiamo deciso di farla terminare in bellezza. Il nostro volo pomeridiano ci ha permesso di dedicare la mattinata alla visita della Blue Lagoon, la famosissima sorgente geotermale che dista appena 20 minuti dall’aeroporto. A differenza della sorgente del lago Myvatn, questa è molto più famosa, grande, affollata e fornita, ma a mio modesto parere molto meno fascinosa. Certo lo specchio d’acqua assume un colore tra l’azzurro ed il bianco che forse gli occhi non hanno mai visto, ci sono intere vasche piene di crema a base di silicio che può essere usata a volontà gratuitamente (e si fa bene ad abbondare perché nello shop all’uscita la stessa crema in un vasetto minuscolo viene venduta  a peso d’oro), ma quella sensazione di benessere che mi ha dato quella sera la sorgente del Myvatn non è riuscita a trasmettermela la Blue Lagoon.

Tra la sorgente geotermale, le cremine, i bagni turchi e le saune, la mattinata è volata e via di corsa verso l’aeroporto per lasciare il nostro caro Jimni, fare il check-in e volare verso casa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>